COMPROPRIET└ | COMUNIONE E CONDOMINIO | LA COMPROPRIET└ NEL DIRITTO ROMANO | Contattaci | Links

Comunione e Condominio

Annunci di Lavoro

La ComproprietÓ delle Parti Comuni nei Condomini

Per comunione si intende: "Il regime normale e generale che presuppone la mera contitolaritÓ di uno o pi¨ beni spettanti congiuntamente a pi¨ persone" (articolo 1100 codice civile).

Anche nel condominio i beni e gli impianti di proprietÓ comune spettano congiuntamente a pi¨ persone, a titolo di comproprietÓ. Le proprietÓ comuni, per necessitÓ pratiche, sono al servizio delle singole proprietÓ.

Nel condominio, per alcune parti comuni, lo stato di comunione Ŕ per norma forzato e permanente e dÓ luogo ad un'organizzazione e a una gestione delle parti comuni che non si possono dividere in quanto sono vincolate (salvo volontÓ contraria dei condomini) al servizio del condominio.

PerchŔ abbia corso il procedimento dello scioglimento del condominio Ŕ necessario che l'edificio o il gruppo di edifici: "Si possa dividere in parti che abbiano le caratteristiche di edifici autonomi".

Dove

In questo caso lo scioglimento del condominio "Ŕ deliberato dall'assemblea con la maggioranza prescritta dal secondo comma dell'art. 1136 del Codice civile, ed Ŕ disposto dall'autoritÓ giudiziaria su domanda di almeno un terzo dei comproprietari di quella parte dell'edificio della quale si chiede la separazione" (articolo 61 delle Disposizioni di attuazione del Codice civile).

Il singolo condomino non pu˛ sottrarsi al pagamento delle spese rinunciando al suo diritto, allo stesso modo non pu˛ disporre unilateralmente delle parti comuni separatamente dal suo diritto di proprietÓ sulla singola unitÓ immobiliare. In conclusione non pu˛ esserci condominio se i proprietari esclusivi non sono anche proprietari (in comune) delle strutture condominiali (tetto, muri maestri, ecc.).

á

Navigare Facile
Visita i Nostri Portali
Siti Dove Compro Passatempi Food
Navigare Facile Meteo Prestiti A portata di Mouse Risultati Calcio